PROGETTO VINUSCO

Vinusco

è un’azienda vinicola nata da un progetto di valorizzazione del territorio irpino, zona che racconta la storia di civiltà millenarie.
Giovani imprenditori di differenti business di provenienza, ma accomunati da una grande passione, il vino, e dalla convinzione che nei cicli semplici e nei ritmi lenti e rigeneranti della natura si celi la vera essenza della vita.
Anno dopo anno, dunque, la tradizione diventa innovazione nelle vigne di Nusco uno dei borghi più belli d’Italia, dove giovani vignaioli ed esperti enologi coltivano le viti con tecniche sostenibili, nel pieno rispetto dell’ambiente.

 

VINUSCO
Il primogenito della famiglia di giovani vini, che porta il nome dell’azienda che lo ha prodotto.
Un Aglianico della vendemmia tardiva, dal sapore pieno ed elegante, profondamente legato al suo teritorio.

OREZERO
Si riparte da qui: dalla natura.
Ed è proprio nel profondo rispetto dei suoi ritmi che nasce un Coda di Volpe dal gusto fresco e persistente, come tutti i nuovi inizi, e dal profumo inebriante, come ogni nuova sfida.

INGEGNI
Il continuo perfezionamento delle tecniche vinicole ha portato ad una maggiore maturità nel secondo Aglianico della famiglia, affinato in barrique.
Dal sapore morbido e raffinato, è sinonimo di eccellenza, nella sua espressione più consapevole.

 

Realizzazione etichette a cura di: Emanuela De Caro

Nusco Dove l’Irpinia sembra la Svizzera

Il nome

Di etimo incerto, Nusco è stato probabilmente un fortilizio. È da escludersi un legame con la mitica città di Nomistron avanzata dal grecista Rocci.

 

La storia

VII-VIII sec., sorge in questo periodo il castrum di Nusco, in posizione strategica per il controllo dei valichi appenninici nelle vallate dei fiumi Ofanto e Calore.
1093, nel primo documento storico che la riguarda, il testamento di Amato, Nusco compare con il titolo di civitas e come sede del vescovo e del vice-comite. Al vescovo Amato si deve lo sviluppo civile e religioso del luogo: concentrò gradualmente intorno al castello, dentro le mura, gli abitanti degli sparsi casali ed eresse la prima chiesa.
1122, la città offre riparo a Guglielmo, ultimo duca di Puglia.
1254, si rifugia nel castello Manfredi, futuro re di Sicilia, durante la sua guerra di conquista del regno di Napoli.
1688-1732, diversi terremoti devastano l’Irpinia (ultimo quello del 1980): Nusco non è risparmiata, e per questo motivo il Settecento caratterizza la maggior parte delle costruzioni religiose e civili.
799, il castello è saccheggiato e dato alle fiamme dai sanfedisti del cardinale Ruffo. Fino all’estinzione dei diritti feudali nel 1806, Nusco, a partire dal XII secolo, è stata feudo di alcune delle più illustri famiglie del Regno di Napoli: i De Tivilla, i De Medania, i D’Aquino, i Gianvilla (che concessero alla comunità gli statuti municipali), e infine gli Imperiale.

Vinusco

Orezero

Ingegni

EVENTI

– ApeRed Wine –
Tutte le foto del primo aperitivo-degustazione targato Vinusco, nello splendido salotto del Barrio Botanico.
Tanti ospiti ed un’atmosfera accogliente.
Non perdetevele!

Contattaci

Richiedi qui le info

    info@vinusco.it

    Vinusco Società Agricola Srl

    Contrada Chianola I Snc Nusco Avellino

    Partita IVA 02915090647